Umido a regola d’arte

PRIMO PASSO
Differenziare correttamente
Gettare i rifiuti nel cassonetto marrone come indicato nella pagina dedicata

 

SECONDO PASSO
Per una raccolta a “regola d’arte”, è necessario utilizzare sacchetti biodegradabili e compostabili certificati.

Come riconoscere i sacchetti idonei?

Consulta il documento “Come riconoscere i sacchi?” – a cura di Assobioplastiche
Consulta l’elenco dei Prodotti Certificati dal Consorzio Italiano Compostatori
Alcuni marchi ci aiutano nella scelta:

Le due principali normative di riferimento sono:

  • la UNI EN 13432:2002 “Imballaggi – Requisiti per imballaggi recuperabili mediante compostaggio e biodegradazione – Schema di prova e criteri di valutazione per l’accettazione finale degli imballaggi”, che specifica i requisiti e i procedimenti per determinare la compostabilità degli imballaggi;
  • la UNI 11451:2012 “Sacchi biodegradabili e compostabili per la raccolta della frazione organica dei rifiuti solidi urbani – Tipi, requisiti e metodi di prova”, che definisce i criteri che i sacchetti devono rispettare per essere considerati idonei al processo di compostaggio e quindi utilizzabili per la raccolta dei rifiuti organici.

La legge nazionale ha introdotto l’obbligo di utilizzare sacchetti biodegradabili per la raccolta dell’umido (D.Lgs. 4/2008) ed ha stabilito, con la Legge 24 marzo 2012 n. 28, che possono essere commercializzati sacchetti monouso per l’asporto di merci, solo se biodegradabili e compostabili secondo la norma UNI EN 13432.

 

TERZO PASSO
Gettare i rifiuti nel cassonetto marrone presente negli Eco-Punti

 

L’OPERA E’ COMPLETA!
Tu differenzi A REGOLA D’ARTE …noi completiamo l’opera con un RICICLO DI QUALITA’!

I rifiuti organici raccolti dai cassonetti stradali vengono portati al Polo Ecologico Acea. Presso questo complesso tecnologico, i rifiuti umidi subiscono un processo di DIGESTIONE ANAEROBICA (fermentazione naturale in assenza di ossigeno), che consente di trasformarli in:

BIOGAS: un gas ricco di metano, utilizzato per produrre energia elettrica e termica (calore) da fonti rinnovabili.
COMPOST: una sorta di terriccio fertile, utilizzato come concime naturale per le piante.
Se l’umido è differenziato A REGOLA D’ARTE…

  • migliora la qualità del compost
  • migliora la qualità ed aumenta la quantità di biogas (e quindi di energia!)
  • si limita il ricorso alle risorse naturali, utilizzando energia da fonti rinnovabili
  • diminuiscono le emissioni di CO2
  • si allunga la vita alle discariche, in quanto si limitano gli scarti

Scrivici a : raccolta.adarte@aceapinerolese.it – Potrai ricevere molte informazioni utili

Scarica i materiali della campagna informativa:

Categorie:

Utilità

Contenuti correlati:

torna all'inizio del contenuto

Emergenza Coronavirus

Tutte le informazioni relative alla gestione dei rifiuti

in questo periodo di emergenza sono reperibili

QUI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi