Tributo sui rifiuti

A decorrere dal 1° gennaio 2014, è in vigore il nuovo tributo comunale sui rifiuti (TARI), che sostituisce integralmente il precedente regime di prelievo sui rifiuti (TARES) e viene definita e riscossa dal Comune in cui ha sede l’immobile.
La TARI è dovuta da chiunque possegga o detenga locali o aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti. Pertanto, l’allacciamento anche ad un solo servizio pubblico (gas, acqua o energia elettrica) o la presenza di arredo implica l’assoggettabilità al tributo.
La TARI viene applicata su due grandi categorie di utenze: le UTENZE DOMESTICHE (privati cittadini) e le UTENZE NON DOMESTICHE (locali per uffici o attività commerciali e d’impresa) e si compone di:

  • parte fissa: determinata in base alle componenti essenziali del costo del servizio di igiene ambientale (investimenti, ammortamenti, personale) e legata alla superficie degli immobili;
  • parte variabile: rapportata alle quantità di rifiuti raccolti, al servizio fornito, all’entità dei costi di gestione e legata alla reale produzione di rifiuti.

Per l’anno 2017, si avvalgono del Soggetto Gestore del servizio di igiene urbana per l’elaborazione degli avvisi di pagamento TARI e la rendicontazione della riscossione del tributo i seguenti Comuni:

  • Cavour
  • Lusernetta
  • None
  • Rorà
  • Vigone
  • Villafranca Piemonte

Categorie:

Utilità

Contenuti correlati:

torna all'inizio del contenuto

Emergenza Coronavirus

Tutte le informazioni relative alla gestione dei rifiuti

in questo periodo di emergenza sono reperibili

QUI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi