Progetti di ricerca

Acea dedica da sempre grande impegno ad attività di Ricerca e Sviluppo, con l’obiettivo di ottenere soluzioni innovative e di applicare tecnologie avanzate a servizio dell’ambiente, con particolare attenzione alla valorizzazione dei rifiuti organici.

Attualmente, l’azienda è impegnata in diversi progetti di ricerca di respiro europeo, che coinvolgono illustri operatori del settore, tra cui: Politecnico di Torino, Università degli Studi di Torino, Università di Atene, Istituto Italiano di Tecnologia, Università di Amsterdam.

I progetti attivi sono:

Bioroburplus

OBIETTIVO: produzione di energia elettrica da bio-idrogeno, derivato dal biogas prodotto dalla digestione anaerobica dei rifiuti organici.
DESCRIZIONE: il biogas derivante dalla fermentazione dei rifiuti organici viene utilizzato per la produzione di bio-idrogeno, su scala pre-commerciale, tramite un innovativo processo. Dopo un opportuno sistema di purificazione, il bio-idrogeno viene impiegato per produrre energia elettrica, mediante dispositivi denominati “celle a combustibile”.

Per maggiori informazioni consultare il sito: http://bioroburplus.org/

Engicoin

OBIETTIVO: valutare la possibilità di produrre bio-plastiche da scarti organici.
DESCRIZIONE: le matrici di scarto del processo di trattamento dei rifiuti organici, sia liquide che gassose, diventano una risorsa preziosa per la sintesi di bio-plastiche e composti chimici, tradizionalmente ricavati da processi petrolchimici.

Per maggiori informazioni consultare il sito: https://www.engicoin.eu/

Lifecab

OBIETTIVO: dimostrare la riduzione di ammoniaca e l’incremento di metano, nel processo di trattamento dei rifiuti organici, grazie all’utilizzo di alcune sostanze contenute nel compost.
DESCRIZIONE: il compost contiene al suo interno numerose sostanze umiche, che vengono utilizzate in svariati settori industriali (produzione di detersivi, fertilizzanti ecc…) in sostituzione ai derivati petrolchimici. L’impiego di tali sostanze all’interno del processo di digestione anaerobica permette non solo di ridurre il carico di ammoniaca prodotta, ma anche di ricavare maggiori flussi di metano.

Per maggiori informazioni consultare il sito: www.lifecab.eu

Mat4treat

OBIETTIVO: ricerca di soluzioni innovative per contrastare l’inquinamento delle acque fluviali.
DESCRIZIONE: il progetto prevede lo sviluppo di materiali innovativi nel settore del trattamento delle acque allo scopo di eliminarne le sostanze inquinanti, la cui concentrazione nei corsi fluviali aumenta in misura sempre maggiore.

 

 

Categorie:

Polo Ecologico

Contenuti correlati:

torna all'inizio del contenuto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi